‘Na criatura comm’a tte testo di Ida Rendano

‘Na criatura comm’a tte

E te purtaje ‘a bbefana ‘ccà,
pe pazzià, e accumminciaje a parlà cu ttè…bambola…
ti dicevo quante volte a scuola non mi presentavo…
Ridendo insieme a te.
E ti parlavo anche di lui,
solo tu, sapevi che lo amavo già,
Me pruvavo nu maglione nuovo e pò te domandavo…
comme stevo…

E se un sabato veniva male allora nun ascevo,
io chiagnenno te vattevo e doppe forte t’astringevo,
sti segreti ‘e mezza vita tu nun le maje raccuntate,
io te porto insieme a mme, nun te lasso ccà, tu sì assaje importante,
pure tu c’hai fatto caso ormai son stretti i pantaloni,
ma è un regalo che però non c’entra cu chella befana,
giocheremo sempre insieme poi,
sarai il suo primo dono… quando nascerà…

E mo’ ce staje pazzianno tu,
piccola,
e arrassumiglie proprio a mme,
quanne rint’a casa e vvote pò m’appiccecavo a sera…
lei soffriva un pò…