Detti e proverbi popolari in dialetto napoletano

I vecchi detti napoletani sull’amore e sull’amicizia. Scopri i proverbi napoletani più antichi e più conosciuti ed i loro significiati in italiano.

Vide Napule e po’ muore (Vedi Napoli e poi muori)

Quann’ ‘o diavulo t’accarezza, vo’ ll’ ànema (Quando il diavolo ti accarezza, desidera la tua anima)

‘E figlie so’ ppiezz’ ‘e còre ( I figli sono pezzi di cuore)

Ccà nisciuno è fesso ( Qui nessuno è stupido)

Ogne scarrafone è bell’ a mamma soja (Ogni scarafaggio sembra bello alla propria madre)

‘A raggiona è d’ ‘e fesse (La ragione è degli stupidi)

Tutt’ ‘o lassato è perduto (Tutto ciò che è lasciato è perso)

Dicette ‘o pappice ‘nfacci’ a noce: “Dàmme ‘o tiempo ca te spertoso” (Disse il tarlo alla noce:” Dammi il tempo per bucarti”)

Mentre ‘o miedeco sturéa, ‘o malato se ne more (Mentre il medico studia, il malato muore)

Nun se fa niente pe’ ssenza niente (Non si fa niente gratis)

A lo ffriere siénte l’addore! A li cunte siénte lo chianto! (Al momento di friggere senti l’odore! Al momento di pagare senti i pianti!)

Chi bella vo’ pare’, pene e gguaje hadda pate’ (Chi vuole apparire bella, deve sopportare pene e guai)

Sparte ricchezza e addeventa puvertà (Dividi la ricchezza e diventerà povertà)

Chi sparte, ave ‘a peggia parte (Chi divide riceve la parte peggiore)

‘A mugliera ‘e ll’ate è sempe cchiu’ bella (La moglie degli altri è sempre più bella)

Parlanno do diavulo, spuntajeno ‘e ccorna (Parlando del diavolo, apparvero le corna)

‘O peggio surdo è chillo ca nun vo’ sèntere (Il peggior sordo è quello che non vuole sentire)

Dicette Pulicenella: “Pe’ mmancanza ‘e denare, quanta scampagnate ca m’aggio perzo!” (Disse Pulcinella: “Per mancanza di soldi, quante gite mi sono perso!”)

Mazza e panella fanno ‘e figlie bell; panella senza mazza fanno ‘e figlie pazze (Bastone e pagnotta rendono i figli belli; pagnotta senza bastone rende i figli pazzi)

‘A robba bella se fa avvede’ (Le belle cose devono essere mostrate)

Addo’ sta ‘o Papa, llà è Roma (Dove si trova il Papa, là è Roma)

O’ cunfessore se po’ dicere quacche buscìa, o miedeco no (Al confessore si può dire qualche bugia, al medico no)

Guajo ‘ncomune, mez’ allerezza (Mal comune, mezza gaudio)

Nisciuno è nato ‘mparato (Nessuno è nato istruito)

Chi ato nun ave, cu ‘a mugliera se còcca (Chi non ha altro, va a letto con la moglie)

‘A gallina fa ll’uovo e o gallo ll’abbruscia ‘o culo (La gallina fa l’uovo e al gallo brucia il sedere)

Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha rat, ha rat (Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha dato, ha dato)

Quanno si’ ‘a ‘ncunia, statte; quanno si’ martiello, vatte (Quando sei incudine, statti; quando sei martello, batti)

‘Nu buonu marito fa ‘na bona mugliera (Un buon marito rende buona la moglie)

‘A vicchiaja è ‘na brutta bestia (La vecchiaia è una brutta bestia)

‘O pesce fète d’ ‘a capa (Il pesce puzza dalla testa)

‘A gatta pe’ gghji’ ‘e pressa, facette ‘e figlie cecate (La gatta per fare presto fece i figli ciechi)

Ogne bella scarpa addeventa scarpone (Ogni bella scarpa diventa scarpone)

Tre so’ ‘e putiente: ‘o papa, ‘o rrè, e chi nùn tene niente (Tre sono i potenti: il Papa, il Re e chi non ha niente)

‘O geluso more curnuto (Il geloso muore tradito)

Se dice ‘o peccato, ma no ‘o peccatore (Si dice il peccato, ma non il peccatore)

Quann’ ‘o peducchio saglie ‘ngloria, perde ‘a scienza e ‘a memoria (Quando il pidocchio sale in gloria, perde la ragione e la memoria)

‘E denare so’ ‘a voce ‘e ll’ommo (I soldi sono la voce dell’uomo)

A ppava’ e a mmuri’, quanno cchiù tarde è pussìbbele (Pagare e morire, quando più tardi è possibile)

‘O pazzo fa ‘a festa e ‘o savio s’ ‘a gode (Il pazzo fa la festa e il saggio se la gode)

Chi troppo magna, s’affoca (Chi mangia troppo, soffoca)

Chiamma mamma e pate a chi te da’ a ‘mmangia’ (Chiama mamma e papà chi ti nutre)

‘O pesce gruosso se magna ‘o piccerillo (Il pesce grande mangia il piccolo)

Se pigliano cchiù mmosche cu ‘na goccia ‘e mele, ca cu ‘na vott’ acito (Si catturano più mosche con una goccia di miele che con una botte di aceto)

Datte da fa’: ‘a jurnata è ‘nu muòrzo! (Datti da fare, la giornata è un boccone)

Chi cagna ‘a via vecchia p’ ‘a nova sape chello ca lassa e no chello ca trova (Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa ciò che lascia ma non ciò che incontra)

O puorco miettence ‘a sciassa, sempe ‘a coda ‘nce pare (Anche se vesti il maiale, la coda si vedrà sempre)

Chi vo’ mettere ‘o pede ‘ncopp ‘a ttutt’ ‘e pprete, nun arriva maje (Chi vuol mettere il piede su tutte le pietre, non arriva mai)

Quann’ ‘o mellone jesce russo, ognuno ne vo’ ‘na fella (Quando il cocomero è rosso, ognuno vuole una fetta)

Tutto po’ essere, fore ca ll’ommo priéno (Tutto è possibile tranne che l’uomo incinto)

Chi te vo’ bene cchiù de mamma, te ‘nganna (Chi ti vuole bene più della mamma, ti inganna)

‘A morte nun tene crianza (La morte non ha educazione)

‘O sparagno nun è maje guadagno (Il risparmio non è mai guadagno)

Nu’ sputa’ ‘ncielo, ca ‘nfaccia te torna (Non sputare in cielo, che ti ricadrà in faccia)

Chi troppo lo sparagna, vien la gatta e se lo magna (Chi troppo risparmia, viene la gatta e se lo mangia)

Quanno se magna, se cuntratta cu ‘a morte (Quando si mangia si ha a che fare con la morte)

Addo’ ‘nc’ è gusto nu’ ‘nc è perdenza (Dove non c’è gusto non c’è perdita)

“Mannaggi’ a pressa”, dicette ‘a maruzza (“Maledetta la fretta”, disse la lumaca)

‘Ammore verace è quanno s’appicceca e se fa’ pace (Il vero amore è quando si litiga e si fa la pace)

‘A meglia parola è chella ca nun se dice (La miglior parola è quella che non si dice)

Pigliate ‘a bona quanno te vene, ca ‘a malamente nun manca maje (Prenditi la buona occasione quando ti capita, perchè la cattiva non manca mai)

Magna a ggusto tujo e vieste a ggusto ‘e ll’ate (Mangia secondo il tuo gusto e vesti secondo il gusto degli altri)

‘Vatte ‘o fierro quann’ è ccavero (Batti il ferro quando è caldo)

Santa Chiara, ropp’arrubbata, facett’i pport’i fierr (Alla Basilica di Santa Chiara, dopo il saccheggio, misero i portoni di ferro)

O’ tus o nunn’o tus, u’ can’ nun è o’ mije (Lo toso o non lo toso, il cane non è il mio)

Astipat’o mil’ pe’ quann’ t’ven a sete (Conserva la mela per quando avrai sete)

O’ can’ muozzeca o’ strazziat (Il cane morde lo straccione)

Stipa ca truova (Conserva che troverai)

Jette pe se fa’ a croce e se cecaje n’uocchio (Voleva farsi il segno della croce e si cecò un occhio)

Quann vott ‘o vient ‘e terra ‘o pesc nun zomp int ‘a tiella (Quando c’è il vento maestrale, il pesce non entra nella padella)

Chi chiagne fott ‘a chi ride (Colui che piange inganna colui che ride)

Chi t’ene mamma nu chiagn’e (Chi ha la madre non piange)

Acqua ca nun cammin’ fa pantane e fete! (L’acqua stagnante, si appantana e puzza)

Facesse na culata e ascesse o sole (Ogni volta che inizio a fare il bucato, il sole scompare)

‘O purpo se coce int’ a l’acqua soja (Il polpo cuoce nella propria acqua)

E uno!…dicett’ chille ca cecaje ll’uocchie ‘a mugliera (E uno! disse colui che accecò la moglie)

S’adda fa ‘o pireto pe quanto è gruosso ‘o culo (si deve fare il peto per quanto è grande il deretano)

All’altare sgarrupato nun s’appicceno cannele (all’altare malandato non si accendono ceri)

‘e voglia ‘e mettere rum, chi nasce strunz’ nun po’ addiventà babbà (chi nasce tondo non può morire quadrato)

Jette pe se fa’ a croce e se cecaje n’uocchio (Voleva farsi il segno della croce e si cecò un occhio)

Quann vott ‘o vient ‘e terra ‘o pesc nun zomp int ‘a tiella (Quando c’è il vento maestrale, il pesce non entra nella padella)

Chi chiagne fott ‘a chi ride (Colui che piange inganna colui che ride)

Chi t’ene mamma nu chiagn’e (Chi ha la madre non piange) (grazie a Paolo Manna)

Acqua ca nun cammin’ fa pantane e fete! (L’acqua stagnante, si appantana e puzza)

Facesse na culata e ascesse o sole (Ogni volta che inizio a fare il bucato, il sole scompare)

‘O purpo se coce int’ a l’acqua soja (Il polpo cuoce nella propria acqua)

E uno!…dicett’ chille ca cecaje ll’uocchie ‘a mugliera (E uno! disse colui che accecò la moglie)

S’adda fa ‘o pireto pe quanto è gruosso ‘o culo (si deve fare il peto per quanto è grande il deretano)

All’altare sgarrupato nun s’appicceno cannele (all’altare malandato non si accendono ceri)

‘e voglia ‘e mettere rum, chi nasce strunz’ nun po’ addiventà babbà (chi nasce tondo non può morire quadrato)

Primm’ e cunfett’ e poi e difett’ (prima le nozze e poi i difetti)

Int’ e carcere e int’ ‘e malatie cunosc’ l’amicizia mia (nelle grosse tragedie si riconosce la vera amicizia)(grazie a Sara Maenza)

A’ gatta quanne nun pò arrivà o’ llardo dice ca’ fete (la gatta se non riesce a raggiungere il pezzo di pancetta o lardo dice che puzza …è avariata. E’ la scusa che trova chi non riesce in una azione.)

A’ nave cammina e’ a’ fava se coce (la nave va da se e anche le fave si cuociono da sole. Ovvero lascia andare le cose cosi’ come vanno)

O’ ciuccio chiamma recchia longa o cavallo (è di chi dice ad altri quali sono i suoi difetti senza veder i propri)

Cu n’uocchio guarda a jatta e cu n’ate frje o’ pesce (un occhio al gatto e uno al pesce, quando friggi)

Castagne, noci e nucelle a primma ca truovi bbona, astipatella (conserva la frutta secca mano a mano che la sbucci via via resteranno le peggiori e tu resterai comme nu’ strunz)

Ogni bella scarpa addeventa scarpone (ogni bella scarpa prima o poi diventerà uno scarpone malridotto)

A lavà a capa o’ cuccio se perde ‘o tiempo, l’acqua e ‘o sapone (Al testardo riuscirai difficilmente a far cambiare opinione)

E’ meglio ‘nu maccarone ca ciente vermicielle (meglio che sia uno solo a comandare)

Chi nasce p’a’ forca nun more pe’ mare (se ti e’ destinata una morte non ne puoi fare un altra)

Nun vò ne’ tene’ e ne’ scurtecà (non vuol fare nè una cosa nè quella opposta)(non si decide)

A vacca, pe’ nun mòvere a coda, se facette magna’ ‘e ppacche d’’e mosche (La vacca per non muovere la coda si fece mangiare il sedere dalle mosche)

O pesce piglia ‘o lietto ‘e ‘o culo abbusca (Spesso paga le pene chi non c’entra)

Vai p’aiut e truov sgarrup (Cerchi un aiuto e trovi un peggioramento della situazione)

La vipera al bue: pur si m’accir semb curnut riest (indipendentemente dalla situazione l’evidenza non cambia)

Me stai purtann p vic ‘e vacariell (deviare il discorso)

‘O mllon e sciut iang e rumb o cazz o vrdummar (prendersela con chi non ha colpa)

Vai truvann a crist a rint e lupin (sei una persona incredibilmente pignola)

O’ ciucc quand ‘o mettn e sold ngann o chiammn don ciucc (i soldi fanno cambiare opinione delle persone)

L’asteche chiove e a fenesta scorre (Dal soffitto (l’attico) cola acqua (chiove), filtra acqua dalla finestra, ovvero, Tutto sembra rotto, va tutto male)

Tiene cchiù’ corna tu che ‘na sporte ‘e maruzze (Hai più corna tu che una borsa di lumache, ovvero, la tua “esuberanza” è fin troppo evidente)

‘E tirate a varca o’ sciutto (Hai riposto la barca sul bagnasciuga, ovvero, ti sei messo al sicuro)

Fonte