i Nun te voglio e te penso - Testo Gianni Vezzosi - MusicaNapoli.org

Nun te voglio e te penso testo di Gianni Vezzosi

Nun te voglio e te penso

Che scemo io,
T’aggio criruto comm’a quanno crero a Dio
e mò l’indifferenza tojame fa sta male
che scemo io
se ti ho perduta
‘a colpa nunn’è stata a toja
‘a colpa è ‘a mia
che in te vedevo l’ideale ‘a sposa mia
che scemo io
t’aggio crirut

[RIT]
Nun te voglio e te penso
Te ne caccio e rituorne
sei un’immagine cà nun me fà cchiù campà
stringo ‘e pugn e nun chiagne
faccio a guerra c’ò tiempo
me cunsumo ogni ghiuorno
Vivo ‘e te sulamente
Accerenn ‘e nuttate
Nun me faje fà cchiù niente
voglio murì pe te
Sto campanno sulo ‘e ricorde
‘e ricorde sì tu

‘A vita mia,
a che me serve si mo rieste miezz’à via
tengo ‘nu core cà me more ‘nmane a Dio
che scemo io
Tengo l’inferno
‘mpiett ‘a me

[RIT]
Nun te voglio e te penso
Te ne caccio e rituorne
sei un’immagine cà nun me fà cchiù campà
stringo ‘e pugn e nun chiagne
faccio a guerra c’ò tiempo
me cunsumo ogni ghiuorno
Vivo ‘e te sulamente
Accerenn ‘e nuttate
Nun me faje fà cchiù niente
voglio murì pe te
Sto campanno sulo ‘e ricorde
‘e ricorde sì tu