Mio caro testo di Gianni Vezzosi

Mio caro

Sacc bonu chi me cumbinat quand stiv carcerat so venut apposta pe
prima accumpagnav a Mario a scola chillu figliu miu crisceva cu n’amara virità
nun veniva manc cchiu a colloquio occupata di altre cose trascurava tuttu e me
una mamma tanto innamorata una moglie fidanzata mentre iu stiv chiusu la

[Rit.]
Veniva a casa e nel mio letto ci faceva ammore
mentre io rimanevo chiuso a chiave
pinsava a te ca mu facivi male
comm e putut alle sue voglie tu ti sei prestata
e follemente ti si nnammurata
nun na vulevi cchiu sta libertà
e mi scriviv sempr rint e lettere del mio caro
quantu me manchi tu no po sapè
e iu ti riciv sempre nun me resta tantu tiemp
quand esc giuru ca t’aggia spusà.

Nelle poche lettere che scritt
si può leggere ti amo core mio t’aspett ccà
iu ca mi parlav sempr a dio
fa sta bonu u figghiu miu fa sta bonu pur a te
sariscurn ccu tutt i cumpagni
quann arriva u figghiu miu ca sta male comm a me
che la mamma è tanto innamorata
che s’è pure fidanzata e non vuol bene al suo papà

[Rit.]
Veniva a casa e nel mio letto ci faceva ammore
mentre io rimanevo chiuso a chiave
pinsava a te ca mu facivi male
comm e putut alle sue voglie tu ti sei prestata
e follemente ti si nnammurata
nun na vulevi cchiu sta libertà
e mi scriviv sempr rint e lettere del mio caro
quantu me manchi tu no po sapè
e iu ti rispunneva nun me resta tantu tiemp
quand sto fora te vogliu spusà.

Comm e putut
Comm e putut (parlato)
alle sue voglie tu ti sei prestata e follemente ti si nnammurata
alle sue voglie alle sue voglie ti sei prestata e follemente e follemente ti si nnammurata (parlato)
Non na vulevi cchiu sta libertà
e mi scriviv sempre rint è lettere del mio caro
quant mi manchi tu no po sapè
e iu ti rispunneva nun me resta tiemp ancora
quand sto fora te voglio spusà!!!