i La stangata - Testo Gianni Vezzosi - MusicaNapoli.org

La stangata testo di Gianni Vezzosi

La stangata

è nun si venut maje chist appuntament
(è nun si venut maje chist appuntamet)
t’aggia chiamat a casa è nun c’è stiv
semp nu pensier fiss chisa che stai facenn
si stai nziem cu nat e io sto a suffri
m’aggia ca picchi io voglia troppo bene
pure l’amici miei dichin ca so scem
se attacat rint e vene e nun se vuo chiu’ staca
vac giran e strade alla cercà
ij ca facev o buffone che tutt e guaglione
me sentiv in importante a ruban me e core
ci so carut pure io rind a chist buron
mo nun sacc chiu’ ascì
nun sto dormen chiu’ a nott me faccio chiu’ sic
mentre tu te ne vad cu tutt e guaglione
e collezion sti male ca tu puntalment
me saje fa piglià
oggi finalmente ij a te t’aggia ncuntrat
e tu hai fatt fint e nient e me vasat
me bastat na guardat subit me arravugliat
picche ossaje ca io nun so nient senza e tte