Arresti domiciliari testo di Gianni Vezzosi

Arresti domiciliari

Na jurnata è long assaje
pare c’a nun passa maje
nun stai chius int’e cancelle
ma t’ manca a libbertà

affacciat a nù barcon’
o annanz a television’
na pattugl te cuntroll
saglie ‘ncoppa pe verè

ma si’ cuntent
ca t’abbracc i figlieeee

arresti domiciliari
nun è comm chi passa a notte into o fuoco e l’infern

arresti domiciliari
nun se sente dolor ma è sempe ‘na guerra into o core

che tentazione che ti fa quanno n’amico passa a ‘ccà
vulesse escì pe’ camminà pe miezzo i strade ra città
tu non o’ fa lassil’ stà
pe’ poco ancora pure tu rituorn a nascere con la tua libbertà

arresti domiciliari
nun è comm chi passa na notte pe dint’è cancelle

io conosc a chesta gente
io a conosco a chesta gente (parlato)
nun è fatta malamente
nun è fatta malamente (parlato)
è nu scherzo ru destino
è sulo no scherzo ro destino (parlato)
c’a vulut accussì
c’a vulut accussì (parlato)

ma so cuntent’ stanno ‘nsieme i figlieeee
arresti domiciliari
nun è comm chi passa a notte into o fuoco e l’infern

arresti domiciliari
nun se sente dolore ma è sempe ‘na guerra into o core

che tentazione che ti fa quanno n’amico passa a ccà
vulesse escì pe’ camminà pe miezzo i strade ra città
tu non o’ fa lassil’ stà
pe’ poco ancora pure tu rituorn a nascere con la tua libbertà

arresti domiciliari
nun è comm chi passa na notte pe dint’è cancelle

arresti domiciliari