i Treno luntane - Testo Franco Ricciardi, Rocco Hunt - MusicaNapoli.org

Treno luntane testo di Franco Ricciardi

Treno luntane

[Rocco Hunt]
Comm sì cagnat
a quantu tiemp ca nun te vec
chillu vis l”e truccat
ij m’arricord cà n’asciv ‘a ser
‘a vit è n’imprevist
lamp e tuon
camp e muor
e tu l”e vist affianc a n’omm
ca nun er buon
e fai na guerr a casa
pecchè tuo padre nun te capisc
e te fa mal ‘a cap
pecchè mai nient te va lisc
a che servon ‘e cumpagn
se quann chiagn nun ce stann
l’affett nun esist
ogni cos accumenc e fernisc
e me già te scurdat
simm crisciut assiem
sì stat ‘a primm ‘nnammurat
‘a primma storj over
treno
ca menumal me puort luntan
a chi nun ha capit
ca nun era comm a l’at
‘a vogl ben ancor
‘a mett rint’e canzon
m’ha port sempe appriess
e sì bas che parol
chi part è ‘nu codard
nun ce vuò tant pò capill
me ven a ment ‘na canzon vecchij
facev accussi

[Franco Ricciardi]
Treno
ma puort luntan
a chi mai nisciuna ha capit
cà ij a vogl ben che l’amo
è l’unica cosa
cà ij cerc ‘a sta vit ppe me
sulament ppe me

Treno me tremman ‘e man
pensando che lei sta cu nat
e ij sto curren cu te
m’annasconn ro chiant
perché dentro me
vive ancora una parte di lei

[Rocco Hunt]
Sempre gelosi di quello che non è nostro
l’amore è un tatuaggio
fatto senza inchiostro
scusami se vado
non trovo un’altra scelta
un altro letto
un’altra casa
un’altra donna che mi aspetta
e vado via
ma poi ritorno
come il corvo resuscito da morto
due anime in un corpo

Treno ca menumal me puort luntan
a chi nun ha capit
cà nun ero comm a l’at
vuliv’o cambiament
ma pò sì cagnat tu
e mentr ij pens a nun stà mal
a te nun te ne fott cchiù
treno a gent parl
e ‘nvent pall sulament
aggià rat 100
a chi nun m’ha rat nient
e me ne pent
addà passà a stagion
addà venì Novembre
e ‘o fridd cà teng a rint
se disperd rint all’ambient
a viver accussì
fors è megl ammurì
me ven a ment ‘na canzon vecchj
facev accussi

[Franco Ricciardi]
Treno
ma puort luntan
a chi mai nisciuna ha capit
cà ij a vogl ben che l’amo
è l’unica cosa
cà ij cerc ‘a sta vit ppe me
sulament ppe me

Treno me tremman ‘e man
pensando che lei sta cu nat
e ij sto curren cu te
m’annasconn ro chiant
perché dentro me
vive ancora una parte di lei