i Chiagne comm'e 'na criatura - Testo Enzo Ilardi - MusicaNapoli.org

Chiagne comm’e ‘na criatura testo di Enzo Ilardi

Chiagne comm’e ‘na criatura

La tua faccia un po’ strana
non sorridi più
con le lacrime agli occhi
che te succere stasera
I tuoi occhi arrossiti dalle lacrime
fan sparire la luce del colore blu
La tua storia magica è finita ormai
tutta colpa sua, non credi più alle favole
Il tuo Principe Azzurro che credevi tu
era comm’e Pinocchio, con tant di bucie

Ma ce turnasse a fà pace,
perchè non vivi senza lui
come un veleno d’amore ha stregato il tuo cuore

Chiagne comm’e ‘na criatura,
mentre pienz a iss tuoi
tu lo ami da morire, e non vivi mentre lui
nun se ‘mport ‘e chesta storia
ha giocato con il cuore
mentre aveva un’altra lei
Chiami sul telefonino
lui risponde e metti giù,
ma che sciocca a non parlare, tant ‘o sape ca sì tu
non giocare a farti male, si ce tien pe st’ammore
diciancell ca sì tu

E ti stringi nel petto quel pupazzo suo
che ti ha regalato ai diciott’anni tuoi
E’ difficile odiare quando dentro te
senti sempre più forte il battito del cuore

Ma ce turnasse a fà pace,
perchè non vivi senza lui
come un veleno d’amore ha stregato il tuo cuore

Chiagne comm’e ‘na criatura,
mentre pienz a iss tuoje
tu lo ami da morire, e non vivi mentre lui
nun se ‘mport ‘e chesta storia
ha giocato con il cuore
mentre aveva un’altra lei
Chiami sul telefonino
lui risponde e metti giù,
ma che sciocca a non parlare, tant ‘o ssape ca sì tu
non giocare a farti male, si ce tien pe st’ammore
diciancell ca sì tu