Proverbi napoletani

Detti e proverbi popolari in dialetto napoletano.

  • Vide Napule e po’ muore (Vedi Napoli e poi muori)
  • Quann’ ‘o diavulo t’accarezza, vo’ ll’ ànema (Quando il diavolo ti accarezza, desidera la tua anima)
  • ‘E figlie so’ ppiezz’ ‘e còre ( I figli sono pezzi di cuore)
  • Ccà nisciuno è fesso ( Qui nessuno è stupido)
  • Ogne scarrafone è bell’ a mamma soja (Ogni scarafaggio sembra bello alla propria madre)
  • ‘A raggiona è d’ ‘e fesse (La ragione è degli stupidi)
  • Tutt’ ‘o lassato è perduto (Tutto ciò che è lasciato è perso)
  • Dicette ‘o pappice ‘nfacci’ a noce: “Dàmme ‘o tiempo ca te spertoso” (Disse il tarlo alla noce:” Dammi il tempo per bucarti”)
  • Mentre ‘o miedeco sturéa, ‘o malato se ne more (Mentre il medico studia, il malato muore)
  • Nun se fa niente pe’ ssenza niente (Non si fa niente gratis)
  • A lo ffriere siénte l’addore! A li cunte siénte lo chianto! (Al momento di friggere senti l’odore! Al momento di pagare senti i pianti!)
  • Chi bella vo’ pare’, pene e gguaje hadda pate’ (Chi vuole apparire bella, deve sopportare pene e guai)
  • Sparte ricchezza e addeventa puvertà (Dividi la ricchezza e diventerà povertà)
  • Chi sparte, ave ‘a peggia parte (Chi divide riceve la parte peggiore)
  • ‘A mugliera ‘e ll’ate è sempe cchiu’ bella (La moglie degli altri è sempre più bella)
  • Parlanno do diavulo, spuntajeno ‘e ccorna (Parlando del diavolo, apparvero le corna)
  • ‘O peggio surdo è chillo ca nun vo’ sèntere (Il peggior sordo è quello che non vuole sentire)
  • Dicette Pulicenella: “Pe’ mmancanza ‘e denare, quanta scampagnate ca m’aggio perzo!” (Disse Pulcinella: “Per mancanza di soldi, quante gite mi sono perso!”)
  • Mazza e panella fanno ‘e figlie bell; panella senza mazza fanno ‘e figlie pazze (Bastone e pagnotta rendono i figli belli; pagnotta senza bastone rende i figli pazzi)
  • ‘A robba bella se fa avvede’ (Le belle cose devono essere mostrate)
  • Addo’ sta ‘o Papa, llà è Roma (Dove si trova il Papa, là è Roma)
  • O’ cunfessore se po’ dicere quacche buscìa, o miedeco no (Al confessore si può dire qualche bugia, al medico no)
  • Guajo ‘ncomune, mez’ allerezza (Mal comune, mezza gaudio)
  • Nisciuno è nato ‘mparato (Nessuno è nato istruito)
  • Chi ato nun ave, cu ‘a mugliera se còcca (Chi non ha altro, va a letto con la moglie)
  • ‘A gallina fa ll’uovo e o gallo ll’abbruscia ‘o culo (La gallina fa l’uovo e al gallo brucia il sedere)
  • Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha rat, ha rat (Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha dato, ha dato)
  • Quanno si’ ‘a ‘ncunia, statte; quanno si’ martiello, vatte (Quando sei incudine, statti; quando sei martello, batti)
  • ‘Nu buonu marito fa ‘na bona mugliera (Un buon marito rende buona la moglie)
  • ‘A vicchiaja è ‘na brutta bestia (La vecchiaia è una brutta bestia)
  • ‘O pesce fète d’ ‘a capa (Il pesce puzza dalla testa)
  • ‘A gatta pe’ gghji’ ‘e pressa, facette ‘e figlie cecate (La gatta per fare presto fece i figli ciechi)
  • Ogne bella scarpa addeventa scarpone (Ogni bella scarpa diventa scarpone)
  • Tre so’ ‘e putiente: ‘o papa, ‘o rrè, e chi nùn tene niente (Tre sono i potenti: il Papa, il Re e chi non ha niente)
  • ‘O geluso more curnuto (Il geloso muore tradito)
  • Se dice ‘o peccato, ma no ‘o peccatore (Si dice il peccato, ma non il peccatore)
  • Quann’ ‘o peducchio saglie ‘ngloria, perde ‘a scienza e ‘a memoria (Quando il pidocchio sale in gloria, perde la ragione e la memoria)
  • ‘E denare so’ ‘a voce ‘e ll’ommo (I soldi sono la voce dell’uomo)
  • A ppava’ e a mmuri’, quanno cchiù tarde è pussìbbele (Pagare e morire, quando più tardi è possibile)
  • ‘O pazzo fa ‘a festa e ‘o savio s’ ‘a gode (Il pazzo fa la festa e il saggio se la gode)
  • Chi troppo magna, s’affoca (Chi mangia troppo, soffoca)
  • Chiamma mamma e pate a chi te da’ a ‘mmangia’ (Chiama mamma e papà chi ti nutre)
  • ‘O pesce gruosso se magna ‘o piccerillo (Il pesce grande mangia il piccolo)
  • Se pigliano cchiù mmosche cu ‘na goccia ‘e mele, ca cu ‘na vott’ acito (Si catturano più mosche con una goccia di miele che con una botte di aceto)
  • Datte da fa’: ‘a jurnata è ‘nu muòrzo! (Datti da fare, la giornata è un boccone)
  • Chi cagna ‘a via vecchia p’ ‘a nova sape chello ca lassa e no chello ca trova (Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa ciò che lascia ma non ciò che incontra)
  • O puorco miettence ‘a sciassa, sempe ‘a coda ‘nce pare (Anche se vesti il maiale, la coda si vedrà sempre)
  • Chi vo’ mettere ‘o pede ‘ncopp ‘a ttutt’ ‘e pprete, nun arriva maje (Chi vuol mettere il piede su tutte le pietre, non arriva mai)
  • Quann’ ‘o mellone jesce russo, ognuno ne vo’ ‘na fella (Quando il cocomero è rosso, ognuno vuole una fetta)
  • Tutto po’ essere, fore ca ll’ommo priéno (Tutto è possibile tranne che l’uomo incinto)
  • Chi te vo’ bene cchiù de mamma, te ‘nganna (Chi ti vuole bene più della mamma, ti inganna)
  • ‘A morte nun tene crianza (La morte non ha educazione)
  • ‘O sparagno nun è maje guadagno (Il risparmio non è mai guadagno)
  • Nu’ sputa’ ‘ncielo, ca ‘nfaccia te torna (Non sputare in cielo, che ti ricadrà in faccia)
  • Chi troppo lo sparagna, vien la gatta e se lo magna (Chi troppo risparmia, viene la gatta e se lo mangia)
  • Quanno se magna, se cuntratta cu ‘a morte (Quando si mangia si ha a che fare con la morte)
  • Addo’ ‘nc’ è gusto nu’ ‘nc è perdenza (Dove non c’è gusto non c’è perdita)
  • “Mannaggi’ a pressa”, dicette ‘a maruzza (“Maledetta la fretta”, disse la lumaca)
  • ‘Ammore verace è quanno s’appicceca e se fa’ pace (Il vero amore è quando si litiga e si fa la pace)
  • ‘A meglia parola è chella ca nun se dice (La miglior parola è quella che non si dice)
  • Pigliate ‘a bona quanno te vene, ca ‘a malamente nun manca maje (Prenditi la buona occasione quando ti capita, perchè la cattiva non manca mai)
  • Magna a ggusto tujo e vieste a ggusto ‘e ll’ate (Mangia secondo il tuo gusto e vesti secondo il gusto degli altri)
  • ‘Vatte ‘o fierro quann’ è ccavero (Batti il ferro quando è caldo)
  • Santa Chiara, ropp’arrubbata, facett’i pport’i fierr (Alla Basilica di Santa Chiara, dopo il saccheggio, misero i portoni di ferro)
  • O’ tus o nunn’o tus, u’ can’ nun è o’ mije (Lo toso o non lo toso, il cane non è il mio)
  • Astipat’o mil’ pe’ quann’ t’ven a sete (Conserva la mela per quando avrai sete)
  • O’ can’ muozzeca o’ strazziat (Il cane morde lo straccione)
  • Stipa ca truova (Conserva che troverai)
  • Jette pe se fa’ a croce e se cecaje n’uocchio (Voleva farsi il segno della croce e si cecò un occhio)
  • Quann vott ‘o vient ‘e terra ‘o pesc nun zomp int ‘a tiella (Quando c’è il vento maestrale, il pesce non entra nella padella)
  • Chi chiagne fott ‘a chi ride (Colui che piange inganna colui che ride)
  • Chi t’ene mamma nu chiagn’e (Chi ha la madre non piange)
  • Acqua ca nun cammin’ fa pantane e fete! (L’acqua stagnante, si appantana e puzza)
  • Facesse na culata e ascesse o sole (Ogni volta che inizio a fare il bucato, il sole scompare)
  • ‘O purpo se coce int’ a l’acqua soja (Il polpo cuoce nella propria acqua)
  • E uno!…dicett’ chille ca cecaje ll’uocchie ‘a mugliera (E uno! disse colui che accecò la moglie)
  • S’adda fa ‘o pireto pe quanto è gruosso ‘o culo (si deve fare il peto per quanto è grande il deretano)
  • All’altare sgarrupato nun s’appicceno cannele (all’altare malandato non si accendono ceri)
  • ‘e voglia ‘e mettere rum, chi nasce strunz’ nun po’ addiventà babbà (chi nasce tondo non può morire quadrato)
  • Jette pe se fa’ a croce e se cecaje n’uocchio (Voleva farsi il segno della croce e si cecò un occhio)
  • Quann vott ‘o vient ‘e terra ‘o pesc nun zomp int ‘a tiella (Quando c’è il vento maestrale, il pesce non entra nella padella)
  • Chi chiagne fott ‘a chi ride (Colui che piange inganna colui che ride)
  • Chi t’ene mamma nu chiagn’e (Chi ha la madre non piange) (grazie a Paolo Manna)
  • Acqua ca nun cammin’ fa pantane e fete! (L’acqua stagnante, si appantana e puzza)
  • Facesse na culata e ascesse o sole (Ogni volta che inizio a fare il bucato, il sole scompare)
  • ‘O purpo se coce int’ a l’acqua soja (Il polpo cuoce nella propria acqua)
  • E uno!…dicett’ chille ca cecaje ll’uocchie ‘a mugliera (E uno! disse colui che accecò la moglie)
  • S’adda fa ‘o pireto pe quanto è gruosso ‘o culo (si deve fare il peto per quanto è grande il deretano)
  • All’altare sgarrupato nun s’appicceno cannele (all’altare malandato non si accendono ceri)
  • ‘e voglia ‘e mettere rum, chi nasce strunz’ nun po’ addiventà babbà (chi nasce tondo non può morire quadrato)
  • Primm’ e cunfett’ e poi e difett’ (prima le nozze e poi i difetti)
  • Int’ e carcere e int’ ‘e malatie cunosc’ l’amicizia mia (nelle grosse tragedie si riconosce la vera amicizia)(grazie a Sara Maenza)
  • A’ gatta quanne nun pò arrivà o’ llardo dice ca’ fete (la gatta se non riesce a raggiungere il pezzo di pancetta o lardo dice che puzza …è avariata. E’ la scusa che trova chi non riesce in una azione.)
  • A’ nave cammina e’ a’ fava se coce (la nave va da se e anche le fave si cuociono da sole. Ovvero lascia andare le cose cosi’ come vanno)
  • O’ ciuccio chiamma recchia longa o cavallo (è di chi dice ad altri quali sono i suoi difetti senza veder i propri)
  • Cu n’uocchio guarda a jatta e cu n’ate frje o’ pesce (un occhio al gatto e uno al pesce, quando friggi)
  • Castagne, noci e nucelle a primma ca truovi bbona, astipatella (conserva la frutta secca mano a mano che la sbucci via via resteranno le peggiori e tu resterai comme nu’ strunz)
  • Ogni bella scarpa addeventa scarpone (ogni bella scarpa prima o poi diventerà uno scarpone malridotto)
  • A lavà a capa o’ cuccio se perde ‘o tiempo, l’acqua e ‘o sapone (Al testardo riuscirai difficilmente a far cambiare opinione)
  • E’ meglio ‘nu maccarone ca ciente vermicielle (meglio che sia uno solo a comandare)
  • Chi nasce p’a’ forca nun more pe’ mare (se ti e’ destinata una morte non ne puoi fare un altra)
  • Nun vò ne’ tene’ e ne’ scurtecà (non vuol fare nè una cosa nè quella opposta)(non si decide)
  • A vacca, pe’ nun mòvere a coda, se facette magna’ ‘e ppacche d’’e mosche (La vacca per non muovere la coda si fece mangiare il sedere dalle mosche)
  • O pesce piglia ‘o lietto ‘e ‘o culo abbusca (Spesso paga le pene chi non c’entra)
  • Vai p’aiut e truov sgarrup (Cerchi un aiuto e trovi un peggioramento della situazione)
  • La vipera al bue: pur si m’accir semb curnut riest (indipendentemente dalla situazione l’evidenza non cambia)
  • Me stai purtann p vic ‘e vacariell (deviare il discorso)
  • ‘O mllon e sciut iang e rumb o cazz o vrdummar (prendersela con chi non ha colpa)
  • Vai truvann a crist a rint e lupin (sei una persona incredibilmente pignola)
  • O’ ciucc quand ‘o mettn e sold ngann o chiammn don ciucc (i soldi fanno cambiare opinione delle persone)
  • L’asteche chiove e a fenesta scorre (Dal soffitto (l’attico) cola acqua (chiove), filtra acqua dalla finestra, ovvero, Tutto sembra rotto, va tutto male)
  • Tiene cchiù’ corna tu che ‘na sporte ‘e maruzze (Hai più corna tu che una borsa di lumache, ovvero, la tua “esuberanza” è fin troppo evidente)
  • ‘E tirate a varca o’ sciutto (Hai riposto la barca sul bagnasciuga, ovvero, ti sei messo al sicuro)

Fonte

banner